Dal presidente Miguel Díaz-Canel Bermúdez

Miguel Díaz-Canel Bermúdez, Presidente della Repubblica di Cuba:
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona, in piedi e il seguente testo "NO VAMOS A ENTREGAR LA SOBERANIA DE NUESTRA PATRIA IREVOLUCIONARIOS REVOUCINLL LAS CALLES! M"“Siamo stati onesti, siamo stati diafani, siamo stati chiari e in ogni istante abbiamo spiegato alla nostra gente la complessità dei momenti attuali. Vi ricordo che più di un anno e mezzo fa, quando è iniziata la seconda metà del 2019, abbiamo dovuto spiegare che stavamo andando verso una situazione difficile. Questo è stato preso come parte dell’umore popolare e siamo rimasti come parte di quel frangente da tutti i segnali che il governo degli Stati Uniti, guidato dall’amministrazione Trump, stava dando in relazione a Cuba.
Hanno cominciato a intensificare una serie di misure restrittive, di inasprimento del blocco, di persecuzione finanziaria contro il settore energetico con l’obiettivo di soffocare la nostra economia e che avrebbe provocato l’agognata esplosione sociale di massa, che avrebbe gettato i semi per la possibilità, con tutta la campagna ideologica che è stata condotta, di chiedere un intervento umanitario che finisse in intervento militare e interferenza, e che avrebbe colpito i diritti, la sovranità e l’indipendenza di tutti i popoli.
Questa situazione è continuata, poi sono arrivate le 243 misure che tutti conosciamo, e infine si è deciso di includere Cuba in una lista di paesi che sponsorizzano il terrorismo, una lista spuria, illegittima e unilaterale che il governo degli Stati Uniti ha adottato, credendo di essere gli imperatori del mondo.
Molti paesi si sottomettono improvvisamente a queste decisioni, ma bisogna riconoscere che altri non permettono che vengano loro imposte. Tutte queste restrizioni hanno fatto sì che il paese sia stato immediatamente tagliato fuori da diverse fonti di entrate in valuta estera come il turismo, i viaggi dei cubano-americani nel nostro paese e le rimesse. Si è fatto un piano per screditare le brigate mediche cubane e le collaborazioni di solidarietà fornite da Cuba, che portavano una parte importante della valuta estera.
Tutta questa situazione ha causato una situazione di carenza nel paese, soprattutto di cibo, medicine, materie prime e input per poter sviluppare i nostri processi economici e produttivi che allo stesso tempo contribuiscono alle esportazioni. Due elementi importanti sono tagliati fuori: la capacità di esportare e la capacità di investire risorse. E dai processi produttivi per sviluppare beni e servizi per la nostra popolazione.
Abbiamo anche limitazioni nel carburante e nei pezzi di ricambio e tutto questo ha provocato un livello di insoddisfazione, insieme a problemi accumulati che non siamo stati in grado di risolvere e che sono venuti dal periodo speciale insieme a una feroce campagna mediatica di discredito come parte della guerra non convenzionale che cerca di fratturare l’unità tra partito-stato e popolo; che cerca di mettere il governo come insufficiente e incapace di fornire benessere al popolo cubano e che cerca di sollevare da una posizione del governo degli Stati Uniti che con loro possiamo aspirare al progresso di un paese come il nostro.
Sono le solite ricette ipocrite, discorsi da due pesi e due misure che conosciamo molto bene in tutta la storia degli Stati Uniti verso Cuba: come sono intervenuti nel nostro paese, come si sono appropriati della nostra isola nel 1902, come hanno mantenuto il loro dominio sulla nostra isola durante il periodo della pseudo-repubblica e come questi interessi sono stati battuti dalla rivoluzione cubana quando ha trionfato?
Sono stati molto infastiditi per 60 anni dall’esempio della rivoluzione cubana e sono stati costantemente sferzati. Hanno applicato un blocco ingiusto, criminale e crudele, ora intensificato in condizioni pandemiche, e qui sta la manifesta perversità, la cattiveria di tutte queste intenzioni. Un blocco e azioni restrittive che non hanno mai fatto contro nessun altro paese, né contro quelli che considerano i loro principali nemici.
Pertanto, è stata una politica di crudeltà contro una piccola isola che aspira solo a difendere la sua indipendenza, la sua sovranità e a costruire la sua società con autodeterminazione secondo i principi che più dell’86% della popolazione ha sostenuto nell’ampio e democratico esercizio che abbiamo tenuto alcuni anni fa per approvare l’attuale Costituzione della Repubblica di Cuba.
In mezzo a queste condizioni arriva la pandemia, una pandemia che non ha colpito solo Cuba, ma tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti. Ha colpito i paesi ricchi e bisogna dire che di fronte a questa pandemia né gli Stati Uniti né quei paesi ricchi avevano la capacità di affrontarne gli effetti all’inizio, e in molti di quei paesi del primo mondo, con molta più ricchezza, i sistemi sanitari e i reparti di terapia intensiva sono crollati. I poveri sono stati svantaggiati perché non ci sono politiche pubbliche orientate al popolo per salvarli, e hanno indicatori in relazione alla gestione della pandemia che hanno risultati peggiori di quelli di Cuba in molti casi.
Così abbiamo fatto progressi, abbiamo controllato i focolai e le recrudescenze, con un’enorme capacità di sacrificio della nostra gente, dei nostri scienziati, del nostro personale sanitario, e quasi tutto il paese è stato coinvolto in questo. Sono stati creati cinque candidati vaccini, uno dei quali è già stato riconosciuto come vaccino ed è il primo vaccino dell’America Latina. Cuba sta già vaccinando la sua popolazione. È un processo che richiede tempo. I vaccini devono essere prodotti, ma al momento abbiamo uno dei tassi di vaccinazione più alti del mondo e in poche settimane abbiamo superato il 20% di vaccinazione della popolazione, un processo che continua.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 6 persone, persone in piedi e attività all'aperto

Negli ultimi mesi, hanno cominciato a circolare ceppi più aggressivi e che causano una maggiore trasmissione della malattia. È in mezzo a questa situazione che un gruppo di complicazioni comincia ad apparire. Prima di tutto, i casi si stanno verificando con una velocità e un’accumulazione che supera le capacità che siamo stati in grado di creare per assistere questi casi nelle istituzioni statali. D’altra parte, abbiamo dovuto aprire capacità in altri centri e aprendo più centri, ai quali dobbiamo anche dare una priorità energetica anche in mezzo a problemi energetici accumulati che ci hanno causato blackout, il numero di circuiti che dobbiamo proteggere perché i pazienti covid possano essere assistiti significa che più circuiti rimangono con la possibilità di blackout fastidiosi ma necessari, perché dobbiamo ristabilire le nostre capacità di generazione elettrica. Questo è successo nei giorni scorsi e ha causato irritazione, incomprensione, preoccupazione e disturbo alla popolazione.
Siccome abbiamo più malati, c’è più consumo di medicine, e anche il nostro stock di medicine si sta esaurendo, le possibilità di acquistarle sono molto difficili. In mezzo a tutto questo, continuiamo con volontà, pensando a tutto, lavorando per tutti. Ora dobbiamo passare all’esperienza del ricovero a domicilio per mancanza di capacità in un gruppo di province, e abbiamo dovuto fare appello alla famiglia per avere una partecipazione più diretta e responsabile; e non ci si stanca di ammirare in mezzo a questa situazione la capacità di resistenza creativa che ha il nostro popolo. E come con questi valori, se ci accompagniamo con responsabilità e unità, nel più breve tempo possibile con la vaccinazione e il comportamento responsabile, rispettando le misure igieniche e sanitarie, l’isolamento sociale e l’allontanamento fisico, usciremo presto da questo picco pandemico, che non è solo un caso cubano.
Quello che Cuba è riuscita a fare è stato rimandare questo picco pandemico nel tempo con tutto quello che abbiamo fatto, e lo supereremo anche nel minor tempo possibile, ed è così che lo abbiamo ratificato in questi giorni nei nostri giri per le province per specificare tutte le strategie per affrontare la pandemia.
In modo molto vile, sottile, opportunistico e perverso, sulla base delle situazioni più complicate che abbiamo avuto in province come Matanzas e Ciego de Avila, coloro che hanno sempre approvato il blocco e che servono come mercenari di strada del blocco yankee, cominciano ad apparire con dottrine di aiuti umanitari e corridoi umanitari. Sappiamo tutti da dove vengono.
Per rafforzare il criterio che il governo cubano non è capace di uscire da questa situazione, come se fosse così interessato a risolvere i problemi di salute del nostro popolo.
Se vogliono fare un vero gesto verso Cuba, se vogliono preoccuparsi del popolo, aprano il blocco e vediamo come funzioniamo. Perché non lo fanno? Perché non hanno il coraggio di aprire il blocco? Che base giuridica e morale hanno per sostenere che un governo straniero applichi una tale politica a un piccolo paese in mezzo a situazioni così avverse?
Non è un genocidio, non è un crimine contro l’umanità? Sollevano il criterio che siamo una dittatura, una dittatura che si preoccupa di dare la salute a tutta la sua popolazione, che cerca il benessere per tutti, che in mezzo a queste situazioni è capace di avere programmi e politiche pubbliche per tutti, che aspira a vaccinare tutti con un vaccino cubano, perché sapevamo che nessuno ci avrebbe venduto i vaccini e non avevamo soldi per andare al mercato internazionale a comprare i vaccini. Che dittatura strana?
Ora gridano che siamo assassini, dove sono le persone assassinate a Cuba, dove sono gli scomparsi?
Perché gli altri paesi che hanno subito questi eventi di picchi pandemici non sono stati attaccati dalla stampa e l’intervento umanitario non è stato proposto loro come soluzione, né sono stati sottoposti a queste campagne di discredito che hanno cercato di montare contro di noi.
La vita, la storia e i fatti dimostrano cosa c’è dietro tutto questo: che è per asfissiare e mettere fine alla Rivoluzione ed è per questo che stanno cercando di scoraggiare il nostro popolo e confonderlo. Quando la gente si trova in condizioni gravi come quelle che stiamo vivendo, si verificano eventi come quelli che abbiamo visto oggi a San Antonio de los Baños.
A San Antonio de los Baños, un gruppo di persone si è riunito in uno dei parchi più centrali della città per protestare e fare richieste. Chi erano queste persone? Erano composte da persone del popolo che stanno vivendo alcune delle carenze e difficoltà; erano rivoluzionari forse confusi e che non avevano tutti gli argomenti o che esprimevano la loro insoddisfazione.
Quei due gruppi di persone lo facevano in modo diverso e cercavano un argomento e chiedevano una spiegazione. La prima cosa che hanno detto è stata “sono un rivoluzionario” “sostengo la rivoluzione”.
Questo è stato guidato da un gruppo di manipolatori che si prestavano ai disegni di queste campagne che apparivano sulle reti sociali. Le famose SOSMatanzas o SOSCuba, l’appello per un “cacerolazo” affinché in diverse città di Cuba ci fossero manifestazioni di questo tipo e disordini sociali.
Questo è molto criminale, molto crudele, soprattutto in questo momento in cui dobbiamo convincere le persone a rimanere nelle loro case, a proteggersi. Con il morale dato dalla Rivoluzione, i rivoluzionari di San Antonio de los Baños, le autorità della provincia, un gruppo di compagni della direzione del paese sono andati a San Antonio de los Baños.
Quella massa di rivoluzionari ha affrontato i controrivoluzionari e abbiamo parlato con i rivoluzionari e con alcuni che forse non sono rivoluzionari ma che chiedevano argomenti. Poi abbiamo marciato e attraversato la città per dimostrare che a Cuba la strada appartiene ai rivoluzionari.
Mentre questo accade, sappiamo che ci sono altri luoghi nel paese dove gruppi di persone si sono riuniti in certe strade e piazze, anch’essi mossi da tali malsane intenzioni.”

Lascia un commento