Camera dei Rappresentanti degli USA restringe ancora di più il bloqueo a Cuba

Con l’approvazione nella Camera dei Rappresentanti di nuove misure restrittive contro Cuba, oggi rimane vigente il bloqueo economico, commerciale e finanziario che gli Stati Uniti impongono all’isola da più di mezzo secolo.  

Un gruppo di clausole -tutte dirette a restringere ancora di più la brutale misura unilaterale applicata 54 anni fa – sono state inserite nel disegno di legge del presupposto dei servizi finanziari, che è stato approvato nella Camera bassa del Congresso statunitense.

Tra queste risaltarono le proibizioni di viaggiare a Cuba per certi scambi educativi nei chiamati scambi “popolo a popolo”, importare beni confiscati dal Governo cubano, oltre ad ostacolare che si eseguano transazioni finanziarie che includano militari cubani.

Inoltre, si proibiscono che si impieghino fondi per approvare la concessione di licenze di marca, nome commerciale o denominazione commerciale che sia stata confiscata dal Governo cubano senza espresso consenso degli Stati Uniti.

Le clausole anticubane rimangono nel corpo del progetto legislativo, dopo che altri due emendamenti proposti dai congressisti Rick Crawford e Mark Sanford che favorivano l’eliminazione delle restrizioni agli scambi economici e sociali con Cuba, sono stati eliminati.

La proposta di Crawford, repubblicano dell’Arkansas, cercava di bloccare le restrizioni sull’esportazione di prodotti agricoli a Cuba, fatto che permetterebbe di offrire crediti privati alle compagnie cubane per l’acquisto di prodotti agricoli statunitensi, e quella del repubblicano Sanford, pretendeva lo stesso fine con le restrizioni ai viaggi sull’Isola.

La lobby anticubana nella Camera dei Rappresentanti, integrata dai legislatori Mario Diaz-Balart, Ileana Ros-Lehtinen e Carlos Curbelo, mantiene un’intensa intriga per ostacolare che si approvino misure che diminuiscano l’applicazione del bloqueo imposto da Washington contro Cuba nel 1962, che ha provocato danni che ammontano a circa 121 mila milioni di dollari.

Esperti sul tema suppongono che il presidente statunitense Barack Obama vieterà questo disegno di legge, che inoltre mette in dubbio importanti iniziative del governo ed entra in conflitto con la versione promossa nel Senato.

da Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Commenti

  1. Ouida 17 giugno 2018 at 8:40

    Its like you read my thoughts! You seem to understand a lot
    approximately this, such as you wrote the ebook in it or something.
    I believe that you simply could do with some
    percent to drive the message house a bit, however other than that, this is wonderful blog.
    An excellent read. I’ll definitely be back.

  2. Joesph 14 giugno 2018 at 8:13

    Do you have any video of that? I’d like to find out more details.

  3. Katja 1 giugno 2018 at 6:54

    WOW just what I was searching for. Came here by searching for website

  4. Theron 15 maggio 2018 at 7:06

    Hello! Someone in my Facebook group shared this website with us so I came to take a look.
    I’m definitely loving the information. I’m bookmarking
    and will be tweeting this to my followers!

    Wonderful blog and excellent design and style.

  5. Gaston 12 maggio 2018 at 22:56

    You really make it seem so easy with your presentation but I to
    find this matter to be actually one thing
    which I think I would by no means understand. It sort of
    feels too complicated and very broad for me. I am looking forward in your
    subsequent submit, I’ll try to get the grasp of it!

  6. Rosa 11 maggio 2018 at 23:07

    Hey would you mind stating which blog platform you’re working with?
    I’m going to start my own blog soon but I’m having a tough time
    choosing between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal.
    The reason I ask is because your design seems different then most
    blogs and I’m looking for something unique.
    P.S Apologies for being off-topic but I had to ask!

  7. Geralynn 10 agosto 2016 at 21:49

    Wait, I cannot fathom it being so stfhgiatrorward.

    • Trix 13 luglio 2017 at 2:09

      Si ni siquiera se respetan las siglas de los partidos, mal vamos Al menos debemos dejar que cada uno opine lo que estime oportuno , pero sin faltar a nadie El que da sentido diferente a las siglas que tiene es perverso e ignorante, pero además le falta una educación en el dialogo que determina cual es su tendencia. Sin mas un saludo y coc³Ãpriern por favor

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata.

Nome *
Email *
Sito web